Home > Far west saloon

Far west saloon

Far west saloon

Una scommessa che è diventata impegno.. Il 15 — 16 — 17 Settembre non prendere impegni: Una serata all'insegna della coinvolgente musica e del buon cibo, il tutto all'interno di una location studiata nei minimi particolari Un tuffo di gusto nel mondo del West. Siamo andati per curiosità, non c'eravamo mai stati e siamo rimasti molto affascinati dall'ambientazione west americana, dell'atmosfera che si respira.

Ottima la programmazione di eventi durante i fine settimana e ottima il servizio, cortese e professionale. Piatti molto curati e saporiti, dai classici americani ai piatti di casa nostra. Vado spesso in questo pub con la mia famiglia perché riesce a soddisfare le diverse esigenze di cui io e la mia famiglia necessitiamo. Come per esempio i prodotti senza glutine, ed è per questo che si contraddistingue dagli altri locali. Panini grandi e saporiti, piatti sostanziosi e soddisfacenti. Birra alla spina buonissima consiglio la peroni gran riserva rossa.

Locale pulito e accogliente. I soldati vi trascorrevano le loro ore libere, i cow-boy cercavano un ingaggio ed i minatori favoleggiavano di tesori nascosti. In quei tempi duri nei saloon si serviva prevalentemente un whisky grezzo i cui ingredienti erano l'alcool puro, il tabacco da masticare e lo zucchero. I nomi che gli venivano affibbiati erano assai "centrati": Il termine più popolare per definire il whisky di frontiera era "acqua di fuoco" la cui origine si trova nei primi scambi tra mercanti ed indiani, allorquando i primi convincevano i secondi della bontà del prodotto decantandone l'alto contenuto alcolico.

Per ottenere il convincimento degli indiani bastava gettare qualche goccia di whisky nel fuoco per vedere che questo si attizzava di colpo. Nei saloon il liquore non era sempre di elevata qualità, ma nessuno osava fiatare, né ordinare altro perché un vero uomo doveva essere capace di bere di tutto! Anche la birra veniva servita, ma la temperatura era sempre tale da renderla poco gustosa, almeno rispetto ai canoni attuali. Al tavolo da gioco era molto praticato "Faro", un gioco d'azzardo che affascinava tutti, ma il "Poker" spadroneggiava, creando una folta genia di praticanti, più o meno esperti.

In tal senso come non ricordare con simpatia i "gamblers", ossia i "praticoni" più o meno disonesti del tavolo da gioco? Passavano le loro giornate seduti al tavolo da gioco in attesa del pollo da spennare. Alcuni tra questi gamblers impararono ad usare la pistola tanto quanto usavano le carte e la sei-colpi teneva loro compagnia sul tavolo da gioco, incutendo anche la giusta dose di paura negli altri giocatori che raramente osavano protestare se erano vittime di imbrogli. Molti pistoleri del tempo crebbero in fama proprio attorno ai tavoli da gioco. Esistevano vari tipi di saloon.

Vi erano saloon dedicati al ballo, altri dedicati al gioco delle carte, altri ancora al bowling! Onnipresente era il saloon "just drinking", cioé dedicato al solo bere. Non era raro trovare saloon che restavano aperti tutto il giorno, tutti i giorni dell'anno ed alcuni mancavano anche di una porta d'ingresso! Quasi tutti i saloon stabili non nelle tende-saloon della frontiera più avanzata erano dotati di un lungo ed ampio bancone di quercia o mogano, lavato e lucidato a specchio, lungo il quale si disponevano gli avventori per bere in compagnia.

Il padrone lasciava anche a disposizione un certo numero di teli per consentire l'asciugatura dei baffi. Le decorazioni che arricchivano i saloon erano assai varie e riflettevano generalmente la tipologia degli avventori e delle cittadine. Non mancava quasi mai uno squallido ritratto di donna nuda dietro il bancone. I clienti dei saloon non bevevano mai da soli.

Si ricercava la compagnia e nessuno avrebbe mai pensato di bere tra le mura di casa. Per questo motivo i saloon erano quasi sempre pieni di gente nelle ore di apertura. Nei saloon erano ben accetti solamente uomini di razza bianca. Gli indiani erano esclusi ovunque. Qualche nero riusciva ad entrare, specialmente se era un gambler o un giocatore di carte; un cinese che decideva di entrare in un saloon rischiava letteralmente la pelle! Tra i bianchi erano abbastanza malvisti i soldati e questo per una serie di motivi. A quel tempo, infatti, i saloon era frequentati anche da gentaglia di ogni genere che aveva ampi motivi per covare l'odio nei confronti di sceriffi o soldati.

Infine, molti accusavano ingiustamente i soldati di portare strane malattie nelle case di tolleranza. Allo stesso modo era meglio che le donne si tenessero alla larga dai saloon, a meno che non fossero donne losche o che fossero collegate ai saloon da un rapporto di lavoro. Per bilanciare questo divieto, le donne partecipavano attivamente a tutte le leghe conto l'alcool, i vizi e la perdizione. Nei saloon nessuno osava pensare di andare oltre il semplice nome o nomignolo dei presenti.

Wild West Nocera – Nocera Inferiore

Il saloon (termine inglese) era un locale pubblico diffuso nel cosiddetto Far West degli Stati Uniti nel XIX secolo. Serviva principalmente bevande alcoliche ma. Visualizza altre idee su Western saloon, Old west saloon e Wild West. Un intérieur western #Panneaux #Farwest Cartelli In Stile Western, Saloon In Stile. Wild West Saloon - via atzori giuseppe , Nocera Inferiore - Valutata sulla base di 63 recensioni "atmosfera calda e accogliente e cibo di. Wild West Saloon, Nocera Inferiore: su TripAdvisor trovi recensioni imparziali su Wild West Saloon, con punteggio 4,5 su 5 e al n su ristoranti a. 18/gen/ Esplora la bacheca "Far west" di Costantino su Pinterest. The Old West Saloon Building Model is a traditional western saloon bar building. La storia del Wild West Saloon nasce da un viaggio a Parigi e dalla sensazione portata via da un luogo di divertimento, che suggerisce l'idea di aprire un locale. Luke Barnes per “Mail On Line” the weaver brothers saloon in colorado I saloon del selvaggio west evocano immagini di sparatorie, risse.

Toplists