Home > Fatturato slot machine in italia

Fatturato slot machine in italia

Fatturato slot machine in italia

Quanto spende in macchinette in media ogni abitante di un Comune o di un territorio. Le Videolottery o VLT sono apparecchi che accettano anche banconote, sono presenti in locali dedicati e consentono giocate e vincite più alte rispetto alle AWP. Dettaglio per comune Confronto tra due comuni Classifiche sul territorio nazionale Analisi dei dati sul totale dei comuni Approfondimenti dalle testate locali Fonte dei dati Aams Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Quanto si gioca nel tuo comune?

Giocate pro-capite annuale 0. Aiutaci a capire il problema. Invia segnalazione. Notizie di oggi. I più letti della settimana. Isola dei Famosi Non sono riuscita a costruire un'altra famiglia" Elezioni europee , la guida al voto: Today è in caricamento , ma ha bisogno di JavaScript. Effettua l'accesso. Password dimenticata? Il volume di gioco ha raggiunto per la prima volta nella storia la cifra di ,3 miliardi di euro , circa 5 in più rispetto al e 10 nei confronti nel Lo Stato ne prende una fetta cospicua, mentre i gestori si attestano a una cifra sostanzialmente stabile. Ma con una cospicua differenza: In tutto le slot fanno registrare una raccolta di 24,1 miliardi di euro, le videolottery 24,3.

Alle dieci concessionarie spetta la conduzione della rete telematica con l'obbligo di assicurarne l'operatività. Sono queste società a incaricare i gestori di installare gli apparecchi — attualmente mila — poi affidati agli esercenti, i locali pubblici dove gli utenti giocano. Le concessionarie, come si è detto, hanno il delicato compito di esattori per conto dello Stato, in quanto oltre a incassare il proprio utile, incamerano anche il "Preu", prelievo erariale unico, che poi versano ai Monopoli. Il fatturato è appunto in continua crescita: E la raccolta del primo trimestre di quest'anno 18 miliardi di euro conferma un trend positivio più 17 per cento , rispetto allo stesso periodo del L'anno potrebbe dunque chiudersi con il record di 80 miliardi.

Tanto più che nel Def — come ha denunciato qualche giorno fa il senatore Idv Luigi Li Gotti — il ministero dell'economia ha incrementato l'offerta dei giochi e ha previsto su questo fronte un aumento delle entrate erariali. E sempre pochi giorni fa un membro della commissione Antimafia, il senatore Raffaele Lauro del Pdl — ex commissario antiracket e antiusura — ha proposto una commissione parlamentare d'inchiesta sul gioco d'azzardo e ha presentato un disegno di legge per vietare ai minori di 18 anni di incassare vincite in denaro.

Ma vediamo quali sono le concessionarie. In prima fila Lottomatica e Snai, le uniche totalmente made in Italy. La Snai ha avuto un azionariato più diffuso e dopo gli ultimi cambiamenti di asset è controllata da due fondi di private equity che fanno capo uno alla famiglia Bonomi, l'altro a istituti bancari e assicurativi italiani. Sulla Snai c'è in corso un'Opa. Le altre otto, invece, presentano azionariati in parte o del tutto protetti da sedi estere.

Gamenet è al 42 per cento quota di maggioranza della Tcp Eurinvest, sede Lussemburgo. Hbg è al 99 per cento di proprietà della lussembrughese Karal: Il gruppo delle "lussemburghesi" è chiuso dalla Sisal, al 97 per cento della Sisal Holding finanziaria, Spa al per cento della Gaming Invest, sede nel granducato. Ci sono poi le società spagnole: Le altre due concessionarie sono G. Matica — al 95 per cento della Telcos, una srl con mila euro di utile che è controllata per il 52 per cento dalla Almaviva Technologies altra srl della famiglia Tripi e per il 37 per cento della Interfines Ag, sede legale Zurigo — e Atlantis, oggi sostituita da B Plus Giocolegale limited, che ha la sede principale a Londra con 68 dipendenti e una "sede secondaria" a Roma.

Proprio la ex Atlantis — che controlla il 30 per cento del mercato dello slot machine — è al centro di dubbi e polemiche. A rappresentarla in Italia — sede in via della Maglianella 65 a Roma — con la qualifica di "preposto", figura il trentunenne catanese Alessandro La Monica. Vita Investor Vita Giving. Home Sezioni Società. Nel il consumo in giochi degli italiani è stato di 88,2miliardi di euro.

Metà di questo consumo va in macchinette. La regione che detiene il primato del consumo complessivo in azzardo è la Lombardia con 14miliardi, seguita dal Lazio con 7 e dalla Campania con 6. Sono oggi mila le slot machine attive in Italia in 83mila locali generalisti - bar, tabaccherie, persino lavanderie a gettoni - a cui si aggiungono circa 52mila vlt presenti in "locali dedicati".

Il gioco d’azzardo in Italia per il dati e statistiche - Quotidiano Piemontese

Slot machine online: è boom di giocatori in Italia le slot virtuali rappresentano circa il 60% di tutto il fatturato del mercato dei casino online. Quasi la metà della Raccolta (48,9 miliardi di euro) è relativa a slot machine ( nella tabella indicate come “Apparecchi”) e VLT, in calo dell'1% rispetto al I dati che riguardano il gioco d'azzardo in Italia, sono cresciuti in maniera VLT e AWP, mentre chi gioca non si limita certo alle slot machine. Quanto si gioca nel tuo comune? Quante slot ci sono? L'inchiesta di Gedi Quotidiani Locali. Fino al il gioco d'azzardo in Italia era sempre stato considerato Nel la maggiore voce di spesa riguarda le slot machine (25,4 la redistribuzione delle vincite si suddividono in fatturato fra i fornitori del settore. Nessuno Stato europeo incassa quanto l'Italia da giochi e e il fatturato del settore, oltre 9 miliardi (8,5 per cento della raccolta). . Dalle slot machine alla cocaina: "Sognavo la grande vincita, la dipendenza mi ha distrutto". L'Italia vanta un primato europeo non tra i più ambiti, però: una slot machine ogni abitanti, lontanissima da Spagna (una per abitanti) e.

Toplists